Come fare il tampone

Al momento il test diagnostico più affidabile per accertare l’infezione da SARS-CoV-2 è il tampone molecolare che viene eseguito su un campione delle vie respiratorie prelevato attraverso il cosiddetto tampone.

Il tampone naso/oro-faringeo è un esame di rapida esecuzione che consiste – per mezzo di un bastoncino cotonato – nel prelievo del muco che riveste le cellule superficiali della mucosa del naso e del cavo orale. Il campione prelevato viene poi esaminato in laboratorio al fine di individuare la presenza del virus e di confermare o escludere una diagnosi di infezione.

Il tampone avrà dunque esito negativo o positivo: nel primo caso, il paziente non ha l’infezione da SARS-CoV-2 e dunque non va incontro ad alcuna misura di contenimento, mentre in caso di esito positivo il paziente deve attenersi alle regole dell’isolamento.

Il tampone in caso di sintomi

In caso compaiano sintomi riconducibili a COVID-19 è bene rimanere a casa, limitando il più possibile il contatto anche con i conviventi e contattare il proprio medico di medicina generale (o il pediatra in caso di minori) che valuterà se prescrivere il tampone.

sintomi più comuni con cui si manifesta l’infezione sono febbre (almeno 37,5°C), brividi, tosse di recente comparsa, difficoltà respiratorie, perdita improvvisa dell’olfatto (anosmia) o diminuzione dell’olfatto (iposmia), perdita del gusto (ageusia) o alterazione del gusto (disgeusia), naso che cola, mal di gola e diarrea (soprattutto nei bambini).

Se il tampone dovesse risultare positivo occorre porsi in isolamento domiciliare (isolandosi in un locale della casa dedicato, senza contatti con eventuali conviventi) e i conviventi devono seguire le indicazioni della quarantena.

Come fare il tampone?

Il tampone deve essere eseguito da operatori specializzati e in modo accurato per garantire l’adeguato prelievo del materiale biologico (le cellule di superficie della mucosa di naso, bocca e faringe) da analizzare. Il test dura pochi secondi, è minimamente invasivo ma non doloroso, anche se si può avvertire una sensazione di fastidio al momento del contatto del tampone con l’interno del naso e della bocca. Con lo stesso bastoncino cotonato si effettua il prelievo dall’orofaringe (la parte della faringe posta dietro al cavo orale) e dal rinofaringe (la parte superiore del canale della faringe). Il campione di muco così raccolto viene inviato per l’analisi presso i laboratori di riferimento regionali e i laboratori aggiuntivi individuati dalle Regioni secondo le modalità concordate con il Laboratorio di Riferimento Nazionale dell’Istituto Superiore di Sanità.

Come prenotare il tampone

È possibile eseguire su prenotazione il tampone naso-faringeo per ricerca COVID-19 per chi lo richiede per motivi personali, per esigenze di lavoro, per necessità relative a viaggi, etc.. presso un qualsiasi ospedale. Oppure chiamare il numero unico 1500 oppure chiamare il 112.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.